Da un’intervista relativa a marzo 2004 presente su sito www.beehive.it risulta che hai iniziato ad entrare nel mondo dello spettacolo a 15 anni con Love me Licia interpretando Matt e successivamente con Don Tonino nel ruolo di Gabriele.

Manuel De Peppe

All’epoca ti rispecchiavi in questi due personaggi ‘opposti’?

Beh, certamente erano due personaggi diversi, Matt membro di una famosa band
e Gabriele ragazzo teenager di tutti i giorni sportivo ecc…
Diciamo che parte del mio carattere forse si rispecchia un po’ in
tutti e due i personaggi.

Sei una personalità eclettica in quanto attore-cantante- arrangiatore e produttore.
Hai anche arrangiato prodotto e composto diversi spot pubblicitari e cantato una sigla di un cartone animato nel 1987.”Tutti in campo con Lotti”.
Cosa ti piace di più,tv o musica o entrambi?

Diciamo che la musica e’ al primo posto, anche perche’ sono nipote d’arte
quindi sono cresciuto andando sia da bambino con mio nonno Franco Cassano
negli studi di registrazione.
Sono cantante e suono piano-tastiere e batteria.
Amo anche recitare, mi ha dato molte soddisfazioni soprattutto in Don Tonino
dove ho avuto la possibilita’ di dimostrare le mie capacita’ di attore anche
in scene drammatiche e mi ha anche permesso di ricevere un Oscar in
Campidoglio nel 1990 come rivelazione dell’anno.
Nella musica amo molto arrangiare e produrre oltre ovviamente la
composizione.
Ho scelto gli USA, dove vivo dal 2002, perche’ non c’e’ limite ai generi
musicali.
Ora ho diverse collaborazioni tra le quali anche una con una leggenda della
musica AOR-West coast mondiale il grande Bill Champlin, voce di una delle
band Americane tra le piu’ famose: i Chicago.
Con Bill, tra l’altro sono anche molto amico.
Anche per i cantautori e band qui e’ tutta un’altra cosa, e’ tutta un’altra
musica, ad esempio nei locali di musica live dove fanno pop-rock-country
ecc, come regola devono suonare pezzi loro e magari una o due cover di altri
artisti.
Questa e’ la formula giusta, perche’ almeno hanno la possibilita’ di
proporre i loro pezzi. Dovrebbe essere così anche in Italia.

L’idea del Bee Hive reunion nasce da te nel 2008 con Don’t say goodbye. Hai mai pensato a ricreare una fiction musicale del tipo Love me Licia 20 anni dopo con la voce dei Bee Hive veri e Cristina D’Avena?

Non penso potrebbe funzionare un sequel della serie 20 anni dopo. La saga di
Licia era una favola che ha avuto un finale e decisero di continuare con uno
spin off intitolato ‘Arriva Cristina’.
Quindi sarebbe troppo forzato, Il discorso Bee Hive e’ diverso perche’ le
canzoni sono un evergreen e ci emoziona molto vedere il pubblico che intona
i pezzi ricordando le parole una ad una forse anche meglio di noi che le
suoniamo.

Vedo che nel nuovo gruppo dei Bee Hive c’è una new entry Tony Amodio e che manca ad esempio Steve (Marco Bellavia) spiegaci i motivi di questa scelta e i progetti che avete per il futuro.

Sono stati molti i fans a volere un ritorno dei Bee Hive ed essendo un ex
Bee Hive e produttore ho preso in mano la cosa.
Ora il nome è Bee Hive Reunion.
Marco era un attore ma non un musicista quindi fingeva di suonare il basso.
Sebastian Harrison (Satomi) invece, finita l’ultima serie di Licia, si
appassionò allo strumento ed inizio’ a studiare pianoforte.
Luciano De Marini era gia’ musicista ai tempi e Pasquale Finicelli gia’ cantava, anche
se nei telefilm non usava la sua voce ma era doppiato da Enzo Draghi dato
che la produzione decise di tenere sia nel recitato che nel cantato le voci
gia’ presenti nel cartone animato.
Tony Amodio invece collaborava gia’ con me come bassista e paroliere e in
seguito iniziai a produrlo anche come cantante solista.
Quindi servendo un bassista ho preso lui.

Bee Hive 20 anni fa Video

http://www.youtube.com/watch?v=IwZjMhymsAs&feature=related

Bee Hive 20 anni dopo Video

http://www.youtube.com/watch?v=dj5RCUVed7E&feature=related

Don’t say Goodbye http://www.youtube.com/watch?gl=IT&hl=it&v=UNPNos1yN88

                                                                                         Daniela Campoli

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MANUEL DE PEPPE DEI BEE HIVE

Potrebbe anche interessarti