Lo Scuolabus a piedi, un servizio offerto dal Comune di Roma dal 2003, è stato  sospeso a causa di mancanza fondi. Le 38 scuole che aderivano a quest’iniziativa da oltre sette anni vedranno, così, venir meno questo supporto. ‘Rimango stupito nell’apprendere che qualcuno accoglie con stupore la sospensione del progetto dello Scuolabus a piedi’ dichiara lo scorso 16 febbraio Gianluigi De Palo, assessore alla Famiglia, all’Educazione ai Giovani del Comune di Roma. 

Il servizio Scuolabus a piedi prevedeva l’accompagnamento a piedi alle rispettive scuole dei bambini, in due percorsi prestabiliti (Quarticciolo e Centocelle con 4 fermate) sotto la guida di alcuni operatori della Cooperativa Sociale Santi Pietro e Paolo, alla quale è stato affidato il progetto.

Il servizio, in funzione in 5 Municipi, è stato svolto in convenzione per 8 mesi ed improvvisamente sospeso dal Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici del Comune di Roma a partire dal 16 febbraio, in attesa che il nuovo bilancio 2011 metta a disposizione ulteriori fondi.

‘Quando il progetto è partito quest’anno – spiega l’assessore – , in base al finanziamento stanziato, era noto a tutti, Municipi, scuole, Associazioni e famiglie interessate che sarebbe durato sino al febbraio del 2011. Al momento non ci è possibile stanziare altri finanziamenti’.

«Era un´idea bellissima, ripresa da alcuni Paesi del Nord Europa – spiega  un papà della scuola elementare Angelica Balabanoff di Colli Aniene – che consentiva di evitare ingorghi di auto parcheggiate vicino alle scuole, ridurre l´inquinamento ed educare i bambini all´attività motoria». Le famiglie interessate dovevano soltanto portare i figli a una delle ‘fermate’, segnalate con apposite palettine sul percorso, nell´orario prestabilito, proprio come se si trattasse di un normale autobus. Lì gli studenti venivano presi in carico dagli operatori delle associazioni che li accompagnavano a scuola a piedi, muniti di pettorina gialla riflettente, seguendo percorsi scelti con l´ausilio dei vigili urbani.

Paolo Masini, vice presidente della commissione Scuola del Consiglio comunale, ha, intanto, annunciato un’interrogazione sull’argomento. Antonella De Giusti, presidente del Municipio XVII, ha scritto una lettera all’assessore De Palo e nei prossimi giorni rivolgerà un appello direttamente ad Alemanno.

Il Presidente del Municipio VII Roberto Mastrantonio e l’assessore alla Scuola Leonardo Galli, alla presenza della Dirigente UOSECS la Dott.ssa Saracino e della responsabile dell’Ufficio Scuola Allegrini, hanno ricevuto il 17 febbraio scorso una delegazione di genitori del 132° Circolo Didattico Pirotta in merito alla sospensione, improvvisa del servizio Scuolabus a piedi di cui hanno usufruito i loro figli fino al 15 febbraio.

L’assessore Galli, nel prendere atto che la sospensione penalizza fortemente le famiglie disagiate della zona, ha affermato che ‘il municipio VII si adopererà in tutti i modi affinché il servizio dello ‘Scuolabus a piedi’ sia ripristinato al più presto, sottolineando che il progetto promosso dalla Giunta Veltroni, fu già interrotto dalla Giunta Alemanno per tutto l’anno scolastico 2008/2009 e reintegrato solo in seguito alle pressanti sollecitazioni del Municipio VII dall’allora Assessore alla Scuola Marsilio’.

                                                                                                                    Daniela Campoli

                                                                                                                  http://daniela1campoli.spazioblog.it/

cadaniel@libero.it

VII MUNICIPIO:INTERRUZIONE SERVIZIO SCUOLABUS A PIEDI

Potrebbe anche interessarti