Cosa scriverei sul concorsone di Roma Capitale da idonea non vincitrice in buona posizione…

 Le prime prove concorsuali delle 22 procedure hanno avuto inizio il 21 febbraio del 2012. Un articolo uscito su Metro l’11 novembre 2011 sosteneva che il Campidoglio doveva pubblicare all’Albo Pretorio la delibera che ha assegnato alla Praxi l’appalto per la gestione dei concorsi. Cnipec e Selexi-due delle tre società che hanno partecipato alla gara d’appalto insieme alla Praxi,denunciando gravi irregolarità-hanno presentato a fine novembre 2011 ricorso al Tar e hanno chiesto la sospensiva. Il ‘maxiconcorso’ è accompagnato insomma da una vicenda giudiziaria che ha avuto inizio con il bando comunale per individuare la società incaricata di gestire la selezione.

L’ assessore alle Risorse umane della precedente Giunta Alemanno era Enrico Cavallari,  all’epoca aveva invitato tutti i candidati  a continuare a studiare per tutte le procedure concorsuali. La sentenza non  aveva modificato il programma del procedimento concorsuale.

Dopo le dichiarazioni del sindaco Marino e la cosiddetta ” protesta delle buste” in p.zza S.Apostoli lo scorso lunedì 18 novembre alle ore 9.00,siamo andati a raccogliere sia dati tecnici ,sia  qualche testimonianza  sulla regolarità delle procedure concorsuali scritte ed orali direttamente dai candidati di una delle tante procedure:il concorso 300 posti insegnante scuola infanzia nello specifico.

Raffaele Moscatiello è tra i candidati idonei delegati che sono andati all’incontro con il vicesindaco Nieri. Quest’ultimo dichiara che tutte le procedure vanno avanti, nel frattempo la magistratura procederà con le sue indagini.

E stata una settimana molto intensa in breve tempo su fb si è creato anche il gruppo 22 procedure per la giustizia da cui è stato creato anche un sito.

Questo sabato  una riunione plenaria dell Comitato 22 procedure per la Giustizia in via Monte Zebio 14 presso il Teatro Manzoni,organizzata dai portavoce Costantino D’Orazio storico dell’arte vincitore di concorso e Federica Ragno concorso istruttore amministrativo ospiti all’Edicola di Fiorello per il caso concorsone e venerdi 22 anche a Virus su Rai 2.

Tra le idonee al concorso Barbara Bernardi e Filomena Vassallo del CNDM (Coordinamento Nazionale Diplomati Magistrali )due insegnanti precarie della terza fascia statale che hanno preso rispettivamente 7.10 e 7.50 alla prova scritta , 7.30 e 7.40 all’orale. La maggior parte dei candidati allo scritto ha preso il voto 7 o poco più,pochi gli 8. Sara D’Andretta un’altra candidata tra le vincitrici con 60/60 alla preselezione, 8 allo scritto e 9,50 all’orale, ha dichiarato:”era impossibile che ci fossero irregolarità i dati erano in una busta più piccola inseriti poi  in una più grande,era impossibile imbrogliare,avere altri fogli,c’erano tantissimi controlli.” 

Personalmente sulla questione giallo delle buste aggiungerei che quest’ultime con interno viola e bianco sono state distribuite a campione e nessuno ne sapeva nulla,mi pare strano che per far passare gente raccomandata siano state distribuite con criterio e che sia stato visto in controluce con una lampada il nome del candidato e che quindi l’anonimato non sia stato garantito…Perchè questa storia è emersa solo ora e non in fase di correzione degli scritti?Tra l’altro almeno per quanto riguarda la nostra procedura concorsuale i voti non sono stati così altri,la maggior parte dei candidati ha preso voti intorno al 7,pochi 8,nessun 9.Non sarà che non hanno soldi per assumere e stanno prendendo tempo?

Per quanto riguarda la prova orale,la sorte nella scelta delle due domande dai bussolotti è stata determinante. Alcuni candidati hanno avuto la fortuna di estrarre tra le domande inerenti psicologia-pedagogia, (autori maggiori come Maria Montessori o Guilford o Piaget,ad  altri, sono usciti autori ”minori”come Stoller o Makarenko) per altre domande di tipo psico-pedagogico, come la differenza tra la fiaba e la  favola  si trattava di conoscenze personali,pratica lavorativa con i bambini o ricordi di esami universitari come letteratura per l’infanzia. L’altra domanda da sorteggiare era inerente il diritto penale o amministrativo (reati contro la pubblica amministrazione come peculato,concussione,corruzione, legge 241/90,conferenza dei servizi,bilancio,assemblea capitolina,ecc.). Infine nella parte psicopedagogica erano comprese  anche domande inerenti il progetto educativo nella scuola dell’infanzia  e nella parte legislativa oltre al diritto amministrativo e penale poteva capitare anche  il regolamento della Scuola dell’infanzia di Roma Capitale o lo Statuto di Roma Capitale. La difficoltà consisteva nell’estrarre la domanda che si sapeva di più ed argomentarla al meglio,inglese ed informatica erano un contorno che incideva ben poco. Nonostante le polemiche che ci sono sempre in caso di concorsi pubblici,le prove scritte erano visionabili da ciascuno candidato sia  on-line che con l’accesso agli atti,quindi era constatabile con mano che i compiti erano dei candidati.

C’è anche da dire che molti candidati idonei e vincitori al concorso pubblico sono anche inseriti nella IV fascia della graduatoria municipale (quindi si tratta di personale precario interno che lavora almeno da 5 anni scolastici,a.s. 2013-2014 incluso, per Roma Capitale  con incarichi da settembre a giugno ,poiché ci sono circa 800-900 vuoti d’organico).Ci sono anche una parte di candidati appartenenti alla suddetta fascia che sono stati bocciati alla prova scritta prendendo 6 o poco più oppure non hanno superato la prova orale e chiedono da anni un corso-concorso interno per la stabilizzazione che l’amministrazione non vuole concedere,in quanto con la riforma Brunetta  non ci saranno più concorsi interni riservati ma solo pubblici.Ci sono stati circa 1393 idonei,il punteggio più alto tra scritto ,orale e punteggio titoli è di 23,3 ,il più basso di 14.La media per rientrare nei primi 300 vincitori oscilla dai  18 ai17.40 circa. Si parla di una graduatoria assolutamente provvisoria fatta dai candidati stessi,non ne esiste ancora una ufficiale con i titoli di preferenza a parità di punteggio.Gli idonei dal 301 in poi dovrebbero essere assunti ad esaurimento con il tempo, quando dopo qualche anno la graduatoria idonei  del concorso pubblico dovrebbe trasformarsi  in permanente come è accaduto per i precedenti concorsi. Ricordiamo che dalla data di scadenza del bando (25 marzo 2010),sono passati circa 2 anni per la preselezione che si è svolta a giugno 2012 ,altri 6 mesi tra la preselezione e gli scritti ,svolti a dicembre 2012 ,altri 6 mesi ancora  per conoscere l’esito dello scritto,la notizia dell’orale ad agosto,con estrazione lettera e  calendario iniziato l’11 settembre 2013 a ridosso dell’anno scolastico,conclusione  dell’ ”odissea concorso” con l’orale  a metà ottobre scorso.

In quanto idonea in buona posizione (7 allo scritto e 7.10 all’orale,voti modesti ma con 3.30 di titoli servizio e cultura per un tot.di 17.40)sono delusa e amareggiata per quanto sta accadendo,sono anni che studio per diventare ciò che già sono,ossia insegnante,ho perso circa 3 anni a studiare,in questa fase concorsuale è nata anche mia figlia,è stata dura studiare con una bimba piccola. Avrei dovuto rilassarmi un pò nel tempo libero in questo periodo,dopo l’estate passata a studiare,invece stiamo subendo questo ulteriore stress delle indagini della Magistratura…Ho un diploma psicopedagogico conseguito nel 1997,una laurea quadriennale in Scienze dell’educazione,sono da poco anche giornalista pubblicista e mi sono occupata di scuola e insegnanti precari scrivendo articoli per anni,cercando di aiutare anche me stessa,come tanta altra gente nella medesima condizione,ho scritto sul portale per educatori professionale www.eduprof.it ,faccio parte anche  del Coordinamento Nazionale Diplomati Magistrali, e l’Italia non è un paese che consente di evolversi professionalmente.Essendo anche giornalista mi sento più portata per la scrittura e la lettura e mi piacerebbe insegnare italiano-storia e geografia un giorno alla scuola primaria,se lo stato italiano e le sue leggi me ne daranno la possibilità,così ho dichiarato in un’intervista recente sul magazine telematico di Lorenza Fruci ‘La Zibaldina’,sperando che verrò assunta alla scuola dell’infanzia comunale,forse il mio sogno potrà realizzarsi quando avrò 50-60 anni,se tutto va bene….Purtroppo siamo in causa da diversi anni per il riconoscimento del diploma magistrale abilitante entro 2002,ancora non abbiamo risposte chiare dal MIUR…Confidavo e ancora confido le mie speranze in questo concorso proprio per uscire da un precariato di quasi 9 anni nel mondo della scuola…Anni fa volevo quasi prendere una seconda laurea in Scienze della Formazione Primaria,test superato a Roma Tre,trasferimento a Macerata,poi ho cominciato a lottare con il M.I.D.A (Movimento insegnanti da abilitare) e a vedere che possibilità avevamo col diploma entro 2002.Feci un paio di esami a Macerata  dove c’è un corso di Sfp a distanza ,ma poi mi resi conto che non valeva la pena prendere una seconda laurea,spostarsi dal Lazio nelle Marche,rimettendoci,di viaggio,vitto e alloggio,dover fare comunque il tirocinio a scuola,rinunciando a lavorare,(il servizio prestato non viene riconosciuto purtroppo) quando ho iniziato a scoprire che il nostro diploma era abilitante .Ho fatto anche altri lavori,ma l’insegnamento si è rivelata l’unica via percorribile visti i contratti atipici,parasubordinati del lavoro nell’ambito sociale da educatore professionale…Ho un buon curriculum,ho fatto anche il servizio civile nazionale,e ho lavorato come hostess e promoter ai tempi dell’università per mantenermi agli studi.Scrivere mi è sempre piaciuto,ho creato anche un blog dal titolo ‘Scampoli di vita di una giornalista a scuola’,occasionalmente scrivo qualche articolo come freelance, mi dà soddisfazione personale,ma si sa che è molto difficile vivere di giornalismo specie di questi tempi…Nel cassetto ho anche un titolo di addetto ufficio stampa,non sono mai stata raccomandata da nessuno e credo che avrei diritto a una prospettiva di  lavoro stabile a 35 anni….Se mi venisse data la possibilità una volta assunta sarei interessata a prendermi un part-time per dedicarmi di più a mia figlia e  al giornalismo.Mi piacerebbe creare una rivista quadrimestrale sulla scuola e sul precariato o far diventare il mio blog un punto di riferimento nel mondo scolastico.I progetti e i sogni sono tanti ,alcuni si sono realizzati ,altri ancora no, sono ancora una delle precarie M. R .C.’masterizzate recidive croniche’ della ‘Ballata dei precari’ film no budget sul precariato nel mondo del lavoro scritto da Silvia Lombardo e Tiziana Capocaccia .Per finire l’anno scorso di questi tempi ho dovuto sostenere anche il colloquio- esame da pubblicista (entrato in vigore da qualche anno e recentemente abolito)mentre dovevo prepararmi anche per lo scritto del concorso da insegnante di Roma Capitale.