Ho 35 anni, sono un’insegnante precaria idonea al Concorsone di Roma Capitale per 300 posti d’insegnante della scuola d’infanzia. Mi sono diplomata al liceo psicopedagogico nel 1997 e ho una laurea quadriennale in Scienze dell’educazione. Ho preso 7 alla prova scritta, 7,10 alla prova orale e ho un punteggio di 3,30 di titoli cultura e servizio per un tot. di 17,40 punti Non sono una raccomandata,sono figlia di una ex edicolante, non c’è nemmeno un giornalista in famiglia.

A novembre 2011 è nata anche mia figlia e avevo anche il colloquio-esame da giornalista pubblicista da sostenere,oltre ai 99 articoli presentati all’Ordine dei giornalisti per iscrivermi. Ho faticato moltissimo a studiare per questo concorso, mi sono fatta aiutare da mia madre e ho usufruito del congedo parentale con riduzione dello stipendio al 30% lo scorso anno. Come ha dichiarato Lorenza Fruci che mi ha intervistato sul suo magazine telematico ”La Zibaldina”, le donne contemporanee di oggi devono rivestire diversi ruoli senza un welfare che le sostenga o aiuti .

Io mi sento una di quelle donne. Sono stata costretta ad assentarmi spesso dal servizio e a fare tanti sacrifici per studiare, mia figlia non era stata nemmeno presa al nido comunale all’epoca. Dal 2005 ho contratti a tempo determinato presto servizio presso le scuole dell’infanzia comunali di Roma Capitale. Sono inserita anche nella IV fascia della graduatoria municipale per incarichi e supplenze inferiori ai 5 mesi. Sono anni che proviamo a chiedere un concorso interno riservato, solo che con la legge Brunetta non è più possibile e abbiamo dovuto fare il concorso pubblico, senza riserva di posti e nessuna agevolazione. Abbiamo anche fatto un ricorso per essere stabilizzate secondo la legge della stabilizzazione nelle p.a. ma è ancora in corso.

Il concorso è l’ultima possibilità per sperare di essere assunti prima o poi a smaltimento di graduatoria , poiché ci sono almeno 800-900 vuoti di organico e sono bene 5 anni scolastici che prendiamo incarichi annuali per vacanza d’organico. Siamo stati esclusi dalla graduatoria ad esaurimento statale e questa estate è uscito il decreto per i P.A.S. percorsi abilitanti speciali che consentirebbero solo di passare in seconda fascia, ormai per accedere al ruolo ci sono solo i concorsi.

Dal 2011 io e altre persone abbiamo intrapreso le vie legali con ricorsi di vario tipo per il riconoscimento del diploma magistrale abilitante entro l’anno 2002. Faccio parte del CNDM Coordinamento Nazionale Diplomati Magistrali e stiamo lottando affinché vengano riconosciuti i diritti della nostra categoria. Il mio sogno sarebbe (prima di andare in pensione, ammesso che ci arriveremo e che ce la daranno di questi tempi) quello di insegnare o alla scuola primaria o alla scuola infanzia e chissà quello di mettermi part-time con insegnamento e coltivare anche la passione per il giornalismo. Ho scritto per anni a titolo gratuito per il portale per educatori professionali www.eduprof.it .

Da poco sono anche giornalista pubblicista e mi occupo di vari argomenti, in particolare scuola e precariato insegnanti che è il settore che conosco meglio. Ho anche un blog che per un gioco di parole col mio cognome ho chiamato ”Scampoli di vita di una giornalista a scuola” http://daniela1campoli.spazioblog.it/. La pretesa sarebbe quella di farlo diventare un blog di riferimento nel settore scolastico,per ora c’è un po’ di tutto, articoli non solo sulla scuola ma anche altri argomenti, post vari su eventi importanti della mia vita.

Nell’aprile del 2009  ho collaborato facendo comparse in alcuni episodi del film indipendente sul precariato ”La Ballatadei precari”di Silvia Lombardo, Corrado Ceron, Giordano Cioccolini, è uscito a dicembre2011 l’omonimo libro tratto dal film . Per quanto riguarda il concorsone di Roma Capitale non credo al giallo delle buste con interno viola o bianco e al fatto che la trasparenza non avrebbe garantito l’anonimato. E’ probabile che sia un pretesto per allungare i tempi delle assunzioni.

Tutto ciò è stato anche detto nell’Edicola  Fiore di Fiorello e a Virus su Rai 2 dove sono stati ospiti i due portavoce Costantino D’Orazio e Federica Ragno del Comitato 22 procedure per la giustizia che si è costituito sabato scorso in via Monte Zebio presso il Teatro Manzoni per tutelare i vincitori e gli idonei delle 22 procedure concorsuali.

http://www.nuovaopinioneitaliana.it/lettera-aperta-sulla-precarieta/

Print Friendly
Lettera aperta sulla precarietà quotidiana di un’insegnante -giornalista e blogger

Potrebbe anche interessarti